TESTO VIGENTE

TESTO DISCUSSO AL CEN

NOTE

TITOLO I: SEDE, DURATA, SCOPI

Art. 3 Strumenti operativi

Sono mezzi per il raggiungimento dello scopo sociale:

  1. la tenuta di un Elenco degli Associati aggiornato annualmente sulla base di un Regolamento di iscrizione che, redatto in conformità alle vigenti disposizioni in materia di professioni:
    • fissi i titoli di studio e i requisiti professionali per essere associati;
    • stabilisca tempi e modalità per le richieste di iscrizione o di rinnovo annuo;
    • preveda le modalità per il rilascio degli attestati di competenza;
    • assicuri indipendenza e continuità di funzionamento all’apposita commissione di certificazione di cui all’art. 7;
  2. l’adozione di un codice deontologico ovvero di un insieme di regole di carattere etico a cui gli associati devono far riferimento nello svolgimento dell’attività professionale, nei rapporti con i terzi, con i colleghi e con l’Associazione;
  3. la promozione e l’organizzazione, in proprio o in collaborazione con terzi, di corsi, seminari, incontri, congressi, conferenze, viaggi di studio, attività culturali e ogni altra iniziativa volta all’aggiornamento e alla qualificazione professionale continua;
  4. la costituzione di commissioni permanenti e di gruppi di studio;
  5. l’attività editoriale e la diffusione dell’informazione con qualsiasi mezzo di comunicazione;
  6. la gestione e lo sviluppo di una biblioteca specialistica di settore.

TITOLO I: SEDE, DURATA, SCOPI

Art. 3 Strumenti operativi

Sono mezzi per il raggiungimento dello scopo sociale:

  1. la tenuta di un Elenco degli Associati aggiornato annualmente sulla base del   Regolamento di iscrizione redatto in conformità alle vigenti disposizioni in materia di professioni non ordinistiche;
  2. il codice deontologico e il codice di comportamento;
  3. l’organizzazione, in proprio o in collaborazione con terzi, di attività formative e di ogni altra iniziativa volta all’aggiornamento e alla qualificazione professionale continua;
  4. la costituzione di commissioni permanenti e di gruppi di studio;
  5. l’attività editoriale e la diffusione dell’informazione con qualsiasi mezzo di comunicazione;
  6. la gestione e lo sviluppo di una biblioteca specialistica di settore.

 

 

 

 

 

 

 

 




Lettera a) Il regolamento di iscrizione all’epoca dell’approvazione dello Statuto era ancora da scrivere, da qui l’elenco dei punti che questo regolamento attuativo doveva contenere; oggi è superfluo, mentre  si rimanda correttamente al regolamento in vigore; le disposizioni a cui fare riferimento sono le disposizioni per le professioni non ordinistiche;

lettera b) anche il codice deontologico non è necessario dire che cosa è perché esiste già, al pari del codice di comportamento che è obbligatorio per l’iscrizione all’elenco del MISE;

lettera c) Qui si vuole prospettare la possibilità di collaborazione con altri soggetti quali Università o Agenzie formative.

 

Art. 7 Commissione di certificazione

È composta da cinque membri di comprovata competenza ed esperienza in campo professionale e scientifico.

È nominata dal Comitato Esecutivo Nazionale (CEN), tenendo presente l’opportunità che almeno un componente sia parte terza rispetto all’Associazione.

Durata, funzionamento e organizzazione della Commissione sono fissati nel Regolamento di iscrizione.

La Commissione ha il compito di:

  1. deliberare sulle richieste di iscrizione come Associato;
  2. provvedere, in collaborazione con i Comitati Esecutivi Regionali (CER), alla tenuta e all’aggiornamento annuale dell’Elenco degli Associati;
  3. esprimere pareri consultivi e formulare indicazioni relative all’adeguamento del Regolamento di iscrizione, con particolare riferimento ai requisiti professionali.

La Commissione agisce nel rispetto di quanto previsto dal Regolamento di iscrizione e presenta una relazione annuale all’Assemblea generale.

Art. 7 Commissione di attestazione

 

Adempimento richiesto dal Ministero dello Sviluppo Economico per iscrizione nell’Elenco tenuto dal Ministero stesso (raccomandazione reiterata pochi giorni fa): art. 7 e articolo 19, lettera d) Commissione di attestazione invece di Commissione di certificazione, in coerenza con il lessico adottato dalla legge 4/2013.

 

Art. 9 Doveri degli Associati

L’iscrizione come Associato ha carattere libero e volontario, ma impegna al rispetto del presente Statuto, del Codice deontologico e delle deliberazioni degli organi statutari

 

Art. 9 Doveri degli Associati

L’iscrizione come Associato ha carattere libero e volontario, ma impegna al rispetto del presente Statuto, del Codice deontologico, del Codice di comportamento e delle deliberazioni degli organi statutari.

Qui occorre inserire il riferimento al Codice di comportamento che regola essenzialmente i rapporti interni all’Associazione.

Art. 18

… Sugli argomenti di cui alle lettere a), b) e c) dell’articolo 16 è ammessa anche la votazione presso le Sezioni regionali ed il voto postale, con le modalità che verranno previste negli specifici regolamenti.

Art. 18
…Sugli argomenti di cui alle lettere a), b) e c) dell’articolo 16 è ammessa anche la votazione presso le Sezioni regionali, il voto postale, il voto tramite modalità telematica, con le modalità previste negli specifici regolamenti.

Per favorire la partecipazione degli Associati alla vita associativa si vuole introdurre la possibilità di voto telematico e di voto tramite consegna a mano al seggio di buste contenenti espressioni di voto, da regolamentare tramite l’aggiornamento del regolamento elettorale.

Art. 19

… nomina o conferma un segretario generale, scelto al di fuori dello stesso <CEN>, iscritto all’AIB.

 

Art. 19

…nomina o conferma il segretario generale, iscritto all’AIB, e ne fissa il relativo emolumento
oppure
…nomina o conferma il segretario generale, scelto al di fuori dello stesso <CEN>, iscritto all’AIB e ne fissa il relativo emolumento.

 

Per la figura del segretario generale si veda oltre; rimane chiaro che si tratta di incarico fiduciario, che è necessario che sia un Associato, che debba essere retribuito ma non nel caso in cui si tratti, come possibile in una delle due opzioni, di un membro CEN.

 

Art. 22 Collegio sindacale

…I suoi componenti assistono alle riunioni del Comitato esecutivo Nazionale e possono partecipare alle discussioni di carattere finanziario-amministrativo.

 

Art. 22 Collegio sindacale

I suoi componenti possono assistere alle riunioni del Comitato esecutivo Nazionale e possono partecipare alle discussioni di carattere finanziario-amministrativo.

 

La versione attuale si è rivelata problematica perché potrebbe far pensare ad un obbligo di presenza, con conseguente impiego eccessivo di tempo e denaro, mentre con la modifica “possono assistere”, i membri del Collegio hanno la facoltà di partecipare o meno senza che si incorra nella decadenza per inadempienza, ai sensi dell’art. 25.

Art.  23 Collegio dei probiviri

d) esercita, su istanza di parte, l’azione disciplinare nei casi di violazione dello statuto, del codice deontologico, dei regolamenti e delle direttive associative e può irrogare, secondo la gravità, sanzioni, che vanno dalla censura alla sospensione temporanea, alla proposta di radiazione all’Assemblea generale;

 

Art.  23 Collegio dei probiviri

…d) esercita, su istanza di parte, l’azione disciplinare nei casi di violazione dello statuto, del codice deontologico, del codice di comportamento, dei regolamenti e delle direttive associative e può irrogare, secondo la gravità, sanzioni, che vanno dalla censura alla sospensione temporanea, alla proposta di radiazione all’Assemblea generale;

 

Anche qui occorre aggiungere il codice di comportamento.

 

Capo IV: Incarichi associativi

 

Aggiunta di un nuovo articolo

“Il CEN e i CER, nell’ambito delle rispettive attribuzioni finalizzate all’attuazione degli scopi e dei programmi associativi, deliberano su tutti gli incarichi associativi di carattere fiduciario. Gli incarichi sono revocabili da parte dell’organo che li ha conferiti.

Il Presidente Nazionale può delegare il compimento di tutte le operazioni su conti correnti e/o depositi bancari e postali a personale degli uffici dell’Associazione con compiti contabili, finanziari, amministrativo e organizzativi

 

 

 

 

E’ opportuno indicare che ci sono altri incarichi fiduciari del CEN e dei CER (deleghe, nomine di referenti per attività, tavoli ecc.) che quando sono fiduciari sono soggetti a revoca, come è logico. Rimane l’esigenza di specificare che il presidente può delegare all’effettuazione delle operazioni finanziarie personale degli uffici dell’Associazione; si è ritenuto che non fosse il caso di elencare queste figure perché facendo parte dell’organizzazione possono cambiare di denominazione e di competenze a seconda delle esigenze della Associazione stessa.

 

Art. 24 Segretario generale

Viene nominato o confermato dal Comitato Esecutivo Nazionale con le modalità di cui all’art. 19, comma 3.

È responsabile dell’esecuzione e della gestione delle attività deliberate dall’Assemblea e dal Comitato Esecutivo Nazionale. Su mandato del Presidente e del Comitato Esecutivo Nazionale rappresenta l’AIB nei rapporti con enti, istituzioni, collaboratori esterni e fornitori.

Partecipa a titolo consultivo alle riunioni del Comitato Esecutivo Nazionale e del Consiglio Nazionale dei Presidenti Regionali, dei quali redige e firma, unitamente al Presidente Nazionale, i verbali delle sedute e ne conserva i registri.

Sovrintende a tutti gli uffici e servizi dell’Associazione e provvede al buon andamento di essi.

Propone al Presidente e al CEN l’articolazione della struttura organizzativa della segreteria, l’assunzione e la cessazione del rapporto di lavoro dei dipendenti e dei collaboratori dell’Associazione.

Individua nell’organico della Segreteria Nazionale un Responsabile amministrativo, che cura la tenuta dei libri contabili e controlla la regolarità formale delle scritture e dei documenti contabili e può partecipare a titolo consultivo alle riunioni del Comitato Esecutivo Nazionale e del Consiglio Nazionale dei Presidenti Regionali.

Coadiuva il CEN, con la collaborazione del Responsabile amministrativo, nella predisposizione del bilancio annuale, consuntivo e preventivo.

Il Presidente Nazionale può delegare il compimento di tutte le operazioni su conti correnti e/o depositi bancari e postali al Segretario generale e al Responsabile amministrativo.

 

Art. 24 Segretario generale

Viene nominato o confermato dal Comitato Esecutivo Nazionale con le modalità di cui all’art. 19, comma 3. Coadiuva il Presidente nella esecuzione e nella gestione delle attività deliberate dall’Assemblea e dal Comitato Esecutivo Nazionale. Su mandato del Presidente e del Comitato Esecutivo Nazionale rappresenta l’AIB nei rapporti con enti, istituzioni, e altri soggetti esterni. Partecipa a titolo consultivo alle riunioni del Comitato Esecutivo Nazionale e del Consiglio Nazionale dei Presidenti Regionali, dei quali redige e firma, unitamente al Presidente Nazionale, i verbali delle sedute e ne conserva i registri. Coadiuva il Presidente e il CEN, nella predisposizione del bilancio annuale, consuntivo e preventivo”.

 

La necessità di modifica è stata originata dalla constatazione che quanto stabilito dallo Statuto per ciò che  riguarda la facoltà del CEN , cioè di nominare o confermare “un Segretario generale, scelto al di fuori dello stesso <CEN> , iscritto all’AIB  (art. 19)”  e   le responsabilità attribuitegli dall’art. 24 rendono  problematica sia la conferma di un segretario generale  - che si potrebbe attuare solo attraverso l’assunzione a tempo indeterminato - sia la sostituzione del medesimo, con oneri e rischi di contenzioso. Inoltre si generano problemi di sostenibilità economica, dato che l’unica figura nel diritto del lavoro che possa essere incaricata a termine con possibilità di ulteriori rinnovi è quella del dirigente. La soluzione che si prospetta tiene conto della natura fiduciaria dell’incarico, liberandola perciò sia di tutte quelle responsabilità di carattere amministrativo, sia da tutte quelle competenze e responsabilità tipicamente e statutariamente riferibili al CEN.

 

Art. 26 Incompatibilità

… Ulteriori cause di incompatibilità sono definite dal Codice deontologico dell’AIB

 

Art. 26 Incompatibilità

…Ulteriori cause di incompatibilità sono definite dal Codice di comportamento dell’AIB

 

In realtà le cause di incompatibilità sono presenti nel codice di comportamento (assieme a buone pratiche e ad altre regole), non nel codice deontologico, che è il codice generale della professione.

 

Art 30 Entrata in vigore e modifiche dello Statuto

Fino all’entrata in vigore dell’apposito Regolamento di iscrizione, previsto all’art 3, rimangono validi le modalità e i criteri di iscrizione e di rinnovo come associati fissati dal CEN con propria direttiva.

Articolo da eliminare  

Questa specifica, che aveva utilità temporanea, è da togliere perché il Regolamento di iscrizione è entrato in vigore nel 2013 e anche la prescrizione sulle modalità di modifica dello statuto sono già presenti.